back to single images
back to scritti

Scusa per la bomba

Saturo di ricordi
scoscende nel violento intestino:
Il proprio umore irriconoscibile,
sale e scende la china del mare,
con le onde del mare che lo travolgono
e lo lasciano diverticolarsi sul bagnasciuga.
Mano di seppia lo accarezza,
succhia le acque con avidità,
cerca i suoni che lo hanno nutrito.
Sentimento, dolcezza,
righe di vetro crepano delicatamente sul volto.
Il crepitio dei ghiacci che si sciolgono
cullano un passo dolce e felpato.
La mano solleva l'ombra di fatica,
depongono uno slancio breve ma compatto.

Il fragore che ha distrutto le vite amate si perde
si perde in lontananza.
Nessun nome è dimenticato
nessuna vendetta è richiesta
nessun perdono troverà ospitalità nel mio cuore.

 

do nt forger